Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando a visitare il sito ne accetti l'uso.    Pił informazioni  

 Ok 
 
Pari e Uguali aps
Associazione di promozione sociale per diffondere una cultura di paritą
 


N° 019/2018  
FONTE: Libero GIORNO E DATA: martedì 02 ottobre 2018
PAGINA: 1 e 16 AUTORE: Azzurra Noemi Barbuto

 

 

La prova della raggiunta parità tra i sessi

 

MASCHI COL CICLO

 

Anche gli uomini soffrono di sindrome premestruale e accusano ansia e irritabilità. Meglio tenersi lontane…
 

Se il vostro compagno è a volte particolarmente irascibile, brontola e se la prende per un nonnulla, diventando persino isterico ed inavvicinabile, non abbandonatelo e usate un po’ di comprensione.
Non è uno stronzo ha il ciclo. La consacrazione dell’assoluta parità tra i sessi proviene dalla scienza, la quale ha assodato che anche i maschi hanno “le loro cose”, ossia attraversano quale periodo del mese, insomma soffrono della maledetta sindrome premestruale, anzi – per essere più precisi – della sindrome del maschio irritabile (Irritable Male Syndrome). Si tratta di uno psico-fisico dovuto ai cambiamenti ormonali acuito da altre variazioni biochimiche nonché dallo stress. I sintomi principali del “ciclo maschile” sono identici a quelli che manifestano le signore: nervosismo, stanchezza, aumento dell’appetito, gonfiore, maggiore fragilità, sensibilità emotiva, repentini sbalzi d’umore, depressione, cefalea, nausea, difficoltà di concentrazione, disturbi del sonno, ansia.
Dunque, qualora lui dovesse spazzolare le vostre riserve di cioccolato, lamentarsi di tutto, piagnucolare davanti a un film e diventare più acido di uno yogurt andato a male, armatevi di pazienza poiché tra qualche giorno, ristabilitosi l’equilibrio ormonale andato a farsi friggere, tornerà ad essere il solito insensibile di sempre. Grazie a Dio! Se le vostre sindromi premestruali coincidono, preparatevi Ad una collisione. E preparate anche le valigie.
Vi rincuori sapere che uno dei principali motivi di solidarietà tra donne è il ciclo. Magari quest’ultimo favorirà anche il cameratismo tra i sessi opposti.
Secondo gli scienziati, i livelli di testosterone nei maschi, che si modificano anche nell’arco della giornata (più alti al mattino e più bassi di notte), conoscono delle fasi a cadenza regolare, mensile e addirittura settimanale, che cambiano in base alle stagioni e all’età. Ne è convinto lo psicoterapeuta Jed Diamond, autore del libro “The irritable Male Syndrome”, il quale sostiene che ciò che distingue il ciclo di lui da quello di lei risieda nel fatto che i signori non sono consapevoli di trovarsi in una fase di variazione ormonale, le signore invece hanno riferimenti precisi sul calendario.
Anche Peter Schlegel, professore presso il dipartimento di Urologia della New York Presbyterian and Weill Cornell Medicine ritiene che i cambiamenti ormonali dei ragazzi sono molto simili a quelli delle ragazze. Tuttavia ad inventare la definizione “Irritable Male Syndrome” (IMS) fu nel 2002 il biologo Gerald Lincoln, il quale si imbatté in tale scoperta mentre conduceva ricerche per sviluppare un anticoncezionale per uomini.
MAMMIFERI
Abbassando i livelli di testosterone nei mammiferi di genere maschile al fine di evitare la gravidanza in quelli di genere femminile, Lincoln riscontrò che subentrava negli esemplari sotto posto all’esperimento uno stato di letargia, nonché nervosismo e depressione.

IL SONDAGGIO
A confermare l’esistenza di tale condizione mentale e fisica è stato un sondaggio condotto in Gran Bretagna dal sito vouchcloud.com, dal quale è emerso che 26 uomini su 100 riconoscono di soffrire dei sintomi della sindrome del maschio irritabile ogni mese. Il 56% si sente soprattutto più nervoso, il 51% più stanco rispetto al solito, il 47% avverte un aumento di fame ed il 43% diventa più emotivo.
Insomma, gli uomini sono pronti ad ammettere di avere codesta problematica senza per questo sentirsi meno virili. A mostrare resistenza all’accettazione del ciclo maschile sono invece le donne. Il 33% delle intervistate ha dichiarato di non credere nell’esistenza della sindrome premestruale di lui. A noi il motivo di tale ostinata negazione appare evidente: il cosiddetto gentil sesso non ha nessuna intenzione di concedere ai maschietti l’alibi che da sempre sfoderiamo per giustificare non solo gli strappi alla dieta ma anche la nostra condotta talvolta sanguigna: «Scusami, sono in quel periodo lì».
Del resto è inevitabile che sorga un po’ di irritazione (e non a causa degli ormoni) negli ultimi anni i signori ci stanno sempre più ricalcando negli atteggiamenti, nelle abitudini, nelle manie e persino nel look: vanno dall’estetista, si depilano le sopracciglia, si rifanno da cima a fondo, frequentano corsi di zumba, non mangiano cibi grassi ed usano perfino la gonna. Lasciateci almeno «le nostre cose». E gli assorbenti.
 

LA SCHEDA
56%
È la percentuale degli uomini che in determinato periodo del mese dice di sentirsi più nervoso. Il 51%, invece, asserisce di essere stanco mentre il 43% diventa più emotivo.
33%
È la percentuale di donne che non crede affatto nelle “mestruazioni” maschili, che invece, secondo recenti studi effettuati negli Stati Uniti, esisterebbero eccome: la “malattia” porta il nome di Sindrome del maschio irritabile.
 

 

    

PER SCARICARE IL PDF CLICCARE QUI

  


 

Commenti