Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando a visitare il sito ne accetti l'uso.    Pi¨ informazioni  

 Ok 
 
Pari e Uguali aps
Associazione di promozione sociale per diffondere una cultura di paritÓ
 


N° 018/2019  
FONTE: Libero GIORNO E DATA: 28 novembre 2019
PAGINA: pag. 1 e 13 AUTORE: Azzurra Barbuto

                                          

L’autrice critica le femministe perché, a suo dire, ignorano i crimini verso le donne dei non italiani residenti in Italia. È vero che in certi ambienti alcune minoranze sono guardate con un occhio di favore. Una cosa non esclude l’altra, ci sono i crimini degli stranieri e i crimini commessi dagli italiani con caratteristiche diverse. È importante soffermarsi sulla grande crudeltà dell’infibulazione, non approfondita nell’articolo, ma spiegata bene quando lo considera come un marchio di garanzia per l’uomo, ciò non si riferisce al tranciamento del clitoride, ma a un’infibulazione più devastante. L’abitudine, più o meno forzata, di portare il velo è un po’ più difficile da valutare sulla volontarietà di coprirsi i capelli. Ricordiamo un fatto recente capitato in Giordania durante un incontro di calcio femminile, una giocatrice perde il velo, le calciatrici avversarie fanno un muro attorno a lei per permetterle di sistemare il”hijab”, le critiche sono state varie e opposte; chi ha lodato il comportamento delle avversarie e chi le ha criticate come succubi d’imposizione maschilista all’uso del “hijab”.
Personalmente, guardando foto e filmato mi sono accorto che le avversarie che avevano fatto muro (cinque o sei) non una portava il velo, come pure quasi tutte le compagne di squadra della “fortunata”. Quindi, sul campo c’erano giocatrici con il velo ad altre (la maggioranza) senza, conclusione non era obbligatorio coprirsi i capelli.
Le calciatrici avversarie facendo il muro intorno alla giocatrice hanno fatto un gesto, a mio parere, generoso e apprezzabile.
Volevano aiutare una donna (una di loro) in difficoltà dimostrando fattiva solidarietà? Non lo sapremo mai salvo se riusciamo a documentarci direttamente. Su quest’ argomento ci ritorneremo.
Nella Mesopotamia assira, sotto il regno del sovrano Tiglatpileser I (1114 a.C. — 1076 a.C.), rendeva già obbligatorio portare il velo in pubblico a ogni donna sposata. Rodolfo Balena.

 


Il maschio cattivo è solo italiano

 

Le donne maltrattate ma ignorate dalle femministe
  

Sono 20 mila le bimbe che rischiano di subire mutilazioni genitali femminili nei prossimi anni. Dove accadrà? Proprio nel nostro Paese, in cui i flussi migratori in crescita hanno fatto sì che questi fenomeni ci riguardano da vicino e non siano cose leggendarie che succedono in zone recondite del pianeta. Dal 1996 al 2011 soltanto nella capitale sono state curate diecimila giovani infibulate, alle quali è stato tranciato il clitoride per privarle a vita della possibilità di godere di una sessualità appagante.
Secondo la definizione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) le mutilazioni genitali femminili sono «procedure che implicano l’asportazione parziale o totale dei genitali esterni per ragioni non mediche». Dunque quali sarebbero i motivi che costringerebbero le femmine a subire, senza anestesia e rischiando di perire, il taglio delle proprie parti intime con forbici, lamette, coltelli o frammenti di vetro, e la seguente cucitura grossolana con ago e filo? La motivazione sta nell’esigenza di consegnare al maschio una sposa pura, illibata, pronta da confezionare la prima notte di nozze, insomma nel desiderio dello sposo di rendere assoluto il suo predominio sulla consorte, impadronendosi del suo corpo e facendo ciò che gli pare e piace. Ella non è che un oggetto, una proprietà, una schiava, che deve mostrarsi solo al suo padrone girando avvolta in metri e metri di pesante stoffa nei rari momenti in cui si trova all’esterno delle soffocanti pareti domestiche. Ciò avviene pure qui, sul nostro territorio, nelle nostre città, dove lunedì scorso, in occasione della giornata mondiale contro la violenza sul gentil sesso, sono state indette manifestazioni e conferenze, criminalizzando il maschio italiano, dipinto quale essere retrogrado e bruto, che molesta, picchia, ammazza la propria compagna, compiendo quel delitto di cui tutti parlano ogni dì su giornali e in tv: il femminicidio.
Se ci sforziamo di adottare una prospettiva più ampia, liberandoci dei paraocchi, ci accorgeremmo che è maltrattamento pure imporre ad una figlia o ad una moglie di indossare il velo o addirittura il burqa e sono migliaia le signore che si piegano a questo uso nel Bel Paese, basta passeggiare per le metropoli per scoprirlo. Eppure le femministe non si occupano di questa tipologia di abusi, che le lasciano indifferenti. Si mostrano solidali con Asia Argento, la quale ha avuto una relazione con il suo produttore cinematografico, salvo poi denunciarlo per molestie vent’anni dopo, e si voltano dall’altra parte allorché vedono le giovani nigeriane sul ciglio della strada, sfruttate dalle organizzazioni criminali che le hanno messe sui barconi per mandarle in Europa a prostituirsi sotto minaccia. Non si indignano quando incrociano ragazze imprigionate in abiti scuri. Affermano piuttosto: «È la loro cultura. È una loro scelta». Fanno finta di non sapere che quelle signore non hanno scelto un bel niente.
Non è forse violenza privare le figlie femmine del diritto allo studio ritirandole dalla scuola dell’obbligo per istruirle in casa ad essere buone mogli e madri? Ogni anno in Italia circa 130 mila minori abbandonano precocemente la scuola dell’obbligo e sono in gran parte di sesso femminile: saranno condannate alla povertà, all’infelicità, alla non relazione personale e professionale. Queste stesse minori finiscono spesso con l’essere date in spose a uomini molto più grandi di loro, non di rado deportandole nei propri Paesi di origine. Non si tratta anche in questo caso di abuso?
Succede nelle periferie, nei palazzi occupati, nelle baraccopoli, in quelle romane, ad esempio, secondo un’indagine dell’associazione 21 luglio risalente al 2017, le unioni precoci superano il record mondiale del Niger: sul totale dei 71 matrimoni riscontrati tra il 2014 e il 2016, il tasso di unioni precoci emerso presso gli insediamenti considerati è stato del 77%, numero che supera il record mondiale del Niger (76%). E le femministe dove sono? Esse sono le prime a discriminare il loro stesso genere: rigettano ogni forma di maltrattamento sulle occidentali, ricche, emancipate ed istruite e non si curano delle condizioni di degrado in cui versano le immigrate islamiche e le rom. Emblematico il caso della tredicenne nomade di Cittadella, in provincia di Padova, rimasta incinta dopo una relazione con un uomo di 32 anni, indagato per reati sessuali su minore, il quale tuttavia davanti alle telecamere ha dichiarato: «Siamo Sinti ed abbiamo regole differenti, per noi è la normalità». La normalità in Italia però è che un adulto non vada a letto con una bambina. Non è ammissibile una cultura che giustifichi lo stupro, la brutalità, la coercizione sull’altro nonché la repressione dei diritti umani di chi nasce femmina.



                                                                                                  

                  

  PER SCARICARE IL PDF CLICCARE QUI

 

  


 

Commenti